Accreditamento ACCREDIA

 

Venerdì 26 Ottobre 2012 00:00

Agro.Biolab Laboratory ha ottenuto da ACCREDIA il rinnovo dell'accreditamento a conferma delle elevate competenze tecniche acquisite.

Si evidenzia l'estensione del suddetto a nuove matrici e nuove metodiche per la ricerca di residui di fitofarmaci, in particolare:

 

  • - metodo QuPPe (Quick Method for the Analysis of Highly Polar Pesticides);

- UNI EN 15662:2009 (metodo QuEChERS - "Quick, Easy, Cheap, Effective, Rugged, and Safe").

 

Per visualizzare i documenti di riferimento, cliccate il seguente link:

http://www.agrobiolabitalia.it/images/accredia_certificato_accreditamento2012.pdf

 

Allargando le vedute dei nostri ambiti di ricerca e delle attività analitiche, siamo certi di poterVi fornire la massima assistenza e garanzia del servizio offerto.

 

 

Corso di formazione Plant Protection Products and Environmental Fate

 

Lunedì 10 Settembre 2012 11:46

 

Il direttore di Agro.Biolab Laboratory, Maria Rosaria Taurino, relaziona sul tema Residui di Agrofarmaci  durante il corso di formazione "Plant Protection Products and Environmental Fate".

Il corso, organizzato dall'A.R.P.T.R.A., si terrà ad Ottobre e Novembre, presso la Facoltà di Agraria dell'Università degli Studi di Bari.

 

Clicca qui per visionare il programma

 

Analisi dei residui di QAC (composti di ammonio quaternario) in prodotti alimentari

 

Venerdì 29 Giugno 2012 18:00

 

I composti di ammonio quaternario (QAC) sono sostanze chimiche con attività antimicrobica e sono utilizzati nelle procedure standard di igienizzazione lungo la catena alimentare.

In alcuni paesi non europei, si utilizzano formulati contenenti sali di ammonio quaternario in post-raccolta su frutta, per le loro proprietà fungicide e battericide.

A livello europeo non esistono ancora limiti massimi ammessi per questi principi attivi su prodotti alimentari, pertanto si applica il valore di default pari a 0,01 mg/kg.

Sulla base delle più recenti linee guida europee, sviluppate nel corso delle ultime settimane e presentate in occasione di recenti convegni internazionali, Agro.Biolab Laboratory ha messo a punto un metodo rapido, sensibile, efficace per l'analisi di questi principi attivi in diverse matrici alimentari.

Oltre ai principali tipi di frutta e verdura, il metodo è applicabile anche a prodotti trasformati come salse, sughi, piatti pronti.

Il metodo utilizza il sistema HPLC-MS/MS, in grado di rilevare con elevata sensibilità e selettività i diversi composti di ammonio quaternario potenzialmente presenti sui prodotti alimentari.

 

Residui di OCRATOSSINA A su liquirizia

 

Venerdì 01 Giugno 2012 11:00

 

Il sistema di allerta rapido per gli alimenti e i mangimi RASFF (Rapid Alert System for Food and Feed) ha notificato residui di Ocratossina A su bastoncini di liquirizia provenienti dall’Italia.

 

L’ocratossina A è una micotossina prodotta da funghi che possono contaminare alimenti come cereali e loro derivati, frutta a guscio, semi, spezie, frutta secca, cacao, caffè e liquirizia.

Diversi fattori influenzano la presenza di micotossine negli alimenti e nei mangimi: i più noti includono le condizioni climatiche di produzione e di stoccaggio, combinate con le caratteristiche intrinseche dei prodotti e dei contaminanti.

 

Nel 1993 l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, WHO-IARC) ha valutato il potenziale cancerogeno delle principali micotossine, in particolare Ocratossina A e Fumonisine sono state classificate come possibili cancerogeni (Gruppo 2B).

 

A tal proposito, il regolamento (UE) n.105/2010, modificando il regolamento (CE) n. 1881/2006, ha definito i tenori massimi di Ocratossina A per le spezie e la liquirizia.

In particolare i limiti previsti per la liquirizia sono i seguenti: 

  • - 20 µg/kg per Liquirizia (Glycyrrhiza glaba, Glycyrrhiza gonfia e altre spezie) e Radice di liquirizia (ingrediente per infusioni a base di erbe)
  • - 80ug/kg per estratto di liquirizia (usato nei prodotti alimentari soprattutto nelle bevande e nella confetteria).
     

Agro.Biolab Laboratory esegue la rilevazione e quantificazione di Ocratossina A su campioni di liquirizia e su prodotti derivati con tecnica analitica LC-MS/MS.

Il metodo consente di ottenere rilevazione e quantificazione ottimali.

 

Per ulteriori informazioni contattate il nostro ufficio commerciale all’indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

   

Pagina 10 di 11

Ultime News

15 Febbraio 2018, 15.40
  E’ stato pubblicato il Regolamento (UE) 2018/213 del 12 febbraio 2018 relativo all'utilizzo...
05 Febbraio 2018, 17.13
  Agro. Biolab Laboratory ha superato con successo il Ring test QS confermando la...
22 Gennaio 2018, 09.02
· Per assicurare ai nostri clienti strumenti di controllo sempre più aggiornati e...

Login